una vetta più unica che rara… mai raccontata prima eppure così conosciuta

Ho appena chiuso l’ultima pagina di “la scomparsa della vetta più alta d’Italia”.

All’inizio ho fatto un po’ fatica. Sembrava un po’ astruso, poco scorrevole, insomma un libro che non ti coinvolge.

Poi ci sono entrata davvero dentro, senza riuscire a distrarmi più e ho viaggiato nel tempo, dentro a questo stile ottocentesco di descrivere persone, situazioni, paesaggi, pezzi di storia insomma, per arrivare alla fine a sfrugugnare nei sentimenti.

Un’immersione nel tempo e nello spazio in luoghi cari, storie note e mai vissute, personaggi un po’ mitici e un po’ no, ed è allora che diventano veri.

Complimenti agli autori: alla fine anche le due pagine su di loro sono un pezzo del romanzo.

William-Turner-Passage-of-Mount-Cenis

William-Turner-Passage-of-Mount-Cenis

La mia frase preferita a pag. 190: “la carta di quel tratto di valle è una lettera d’amore. Chi sarebbe tanto pazzo da non desiderare di riceverne una, almeno una volta nella vita?” non vi dico di più sarebbe spoiler.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...