Il mare visto da una barca

È tutta un’altra cosa. Intanto c’è questo odore della tua infanzia salsedine e gasolio.
Poi mentre si avanza nel porto che non sei fuori ma non sei più sulla terraferma ti rendi conto a poco a poco che sei in un’altra dimensione, decisamente acquea, ma anche più naturale, lontana da cose come asfalto cemento autobus lattine e bucce di banana.
I rumori sono altri. Sono fruscii tintinnii sciacquii e vento, tipo il rumore dell’aria che si smuove e ti agita i capelli.
I colori sono altri. Tutto sto blu e verde e celeste e azzurro che fa risaltare quel pochino di bianco ogni tanto.
I sapori beh quello dipende un po’ da cosa ti sei portato dietro.
La barca poi è questione di pelle, di sentire il mare sulla pelle e di adeguarti al movimento.
Con il sesto senso. Quello del mare.

20140629-232134-84094788.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...