Prima sera primo dicembre

L’acqua sta bollendo ora la versiamo nelle tazze e aspettiamo che s’infonda.

Nel frattempo vi diciamo (eh sì stasera scrivo a quattro mani) uh già non sapete bene chi sono io figurati se vi dico chi è l’altro.

Vi diciamo, dicevo, che stasera abbiamo iniziato qualcosa.

(la tisana nel frattempo emana un ottimo profumo)

Sta cosa somiglia a giocare a ping pong allo specchio: siamo in due, ci sono botte e risposte, ci sono oggetti e riflessioni.

Tutto comincia con la difficoltà quotidiana di trovare le parole per spiegare, che poi in fondo noi due non abbiamo bisogno di raccontare perché, sappiamo che ci piace e questo ci basterebbe pure… solo che ci tocca spesso di avere a che fare con gente che non capisce.

allora uno dice ma se capisco meglio magari spiego meglio poi ti viene fuori un titolo di convegno e allora capisci che è il momento buono

così leggi cose come “Il passato che non è più ma che è stato reclama il dire del racconto” (P. Ricoeur)

e alla fine pensi:

1 c’è un vuoto di vent’anni da colmare

2 quello che facciamo ci procura piacere sarà l’ora di chiedersi perché

3 la completezza a noi non rassicura, ci inquieta e sappiamo che ci leva la necessaria complessità della storia

4 il racconto della storia è faticoso, spesso difficile, ma tanto più gustoso quanto più profondo ed è anche una questione di specchiarsi, noi, i nostri strati e i suoi…

   
  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...