terza tappa: Beria

lo scavo archeologico che negli anni ’70 ha riscoperto un sito – che nell’ottocento era stato abbandonato – deve aver dato ai suoi autori un’esperienza inarrivabile

si sono trovati in mano oggetti splendidi e si è fatta sempre più forte l’ipotesi che si trattasse della tomba di Filippo II, il padre di Alessandro Magno

insomma una roba tostissima

bello per noi vedere queste opere d’arte sopraffina lasciate sottoterra un 2500 anni più o meno, per di più esposte in un museo sotterraneo assai suggestivo

poi ti coglie l’idea che non erano fatte per la nostra delizia ma per rendere onore al re e rendergli piacevole lo stare nel nuovo regno della morte

questa cosa della morte che fa così paura…

però a Paolo no, per lui è indifferente… grande Paolo!

pieno di fiducia che gli viene come frutto dello spirito del Signore, insieme alla creatività, all’intraprendenza, al coraggio, alla speranza, all’autenticità e insomma all’amore

e non si riesce ad amare se ci si lascia guidare dalla paura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...