prima digressione: in mezzo all’aria

Partendo da una deliziosa chiesina ortodossa dell’xi secolo (non verificato) dotata di tutto quello che ci vuole: icone, devozione, candele, canti, incensi e benedizioni ci siamo inerpicati tra i dirupi che sovrastano Kalabaka. Meta i mitici monasteri costruiti su questi pinnacoli di roccia mozzafiato. Qui diventa palpabile la preghiera del cuore degli antichi monaci, tutt’uno […]

prima tappa: Filippi

da qui Paolo inizia a predicare in terra macedone in mezzo a queste architetture ha camminato parlato ed è stato pure imprigionato ma lui cantava in prigione e quando un terremoto ha aperto la porta e sciolto le catene è rimasto lì tranquillo e rassicurante con le guardie si può essere più liberi di così? […]

partiti sulle tracce di…

partiti oggi, una ventina di pellegrini, un bel gruppo eterogeneo e allegro denso di attese e perplessità in procinto di “leggere le cose nel contesto dove si sono svolte” esperienza che aumenta la possibilità di interiorizzarle, come se diventassero più reali ed è stato lungo il viaggio multiforme (ma invero comodo) che ci ha portato […]

hai provato le luci?

mi ha detto: “allora, vicino all’ingresso ci sono degli interruttori, accendono il giardino, mi raccomando prova” poi mi ha ridetto ancora se avevo provato e insomma va bene proviamo… cosa potrà esserci di più interessante di questo silenzio pieno di stelle? e allora ho capito: ha progettato interruttori per accendere il geniusloci 

Sassi bucati

Si fa un gran parlare di sassi da queste parti che uno dice ci sarà una spiaggia Nu Niente spiaggia ma altre cose  Piuttosto buchi cavità caverne insomma Sassi che l’uomo ha consumato (…) C’è tutta una storia sua da raccontare la cui morale è una cosa così: per aiutare le persone è soprattutto utile […]